Lenore Kandel, il mio ricordo, visione di te, Lenore Kandel, My memory, my vision of you

by Dianella Bardelli

È una commemorazione
una messa in tuo onore
è una messa una cerimonia
c’è un fruscio di gonne
di pelle
di braccia
e qualcuno invoca il tuo nome
poi da lontano un treno arriva
è quello dei miei ricordi di te
che non ho
non ho ricordi di te
ho solo visioni di te
sono come i ricordi le visioni?

In un certo senso sì
anzi in tutti i sensi sì
sono immagini della mente anche quelle, le visioni
c’è insomma questo strano treno dei ricordi
questo treno sottile sottile
ammantato di verde
sottile
sto celebrando una messa per te
una messa poetica per te
c’è anche l’organo e voci bianche è una messa per te
nessuno ti chiama
nessuno chiama il tuo spirito
non ti chiamano
però ti ricordiamo
io ti ricordo nel senso che ti evoco
ti vedo vecchia e sofferente
ma pur sempre poeta
non di quelli laureati
cose da Congresso americano
no tu sei il Poeta Laureato della Vita
tu . . .

sul palco vestita da monaca
monaca amorosa d’uomini e spiriti
monaca della vita
così com’è
ricordi?
Penso tu ora sia in qualche eremo
sulla montagna
hai proseguito quella via
la via mistica
del sedere e meditare
e per te anche scrivere
c’è un vecchio disco che gira a vuoto
e un vento polare antartico che tira
poi qualcuno bussa
batte, chiama
tu bandiera fissa della mente
io ti commemoro e non ti dimentico
tu hai aperto una via
come Allen
hai aperto la via
ma per farlo bisogna aver molto vissuto
sbagliato, fallito
incontrato amato
molto sofferto
tu nella tua schiena malata
io ti commemoro
ti commemoro
amica
ti voglio bene e tu nemmeno la sai
non lo hai mai saputo
e non lo saprai mai
Livio ha fatto un ritratto di te che sembro io

It is a commemoration
a mass in your honour,
it is a mass a ceremony
there is a rustling of skirts
of skin
of arms
and somebody invokes your name
then a train arrives from far away
it’s the one of my memories of you
that I have not
I have not memories of you
I have only visions of you,
are the visions like memories?
In a certain sense yes
on the contrary in every sense yes
are the visions also images of the mind?
there is in short that strange train of memories
this thin thin train
covered by thin green
I am celebrating a mass for you
a poetic mass for you
there is also the organ and white voices
is a mass for you
nobody called you
nobody called your spirit
they don’t call you
but we remember you,
I remember you in the sense that I evoke you
I see you old and suffering
but yet a poet
not as those with a degree,
things like American congress,
no, you are the doctor poet of life
you . . .
on the stage dressed like a nun
nun loving men and spirits
nun of the life
as it is
do you remember?
I think you are now in some hermitage
on the mountain
you went on that path
the mystic path
of sitting and meditating
and for you also writing
there is an old disk
that is turning empty
and a polar antarctic blowing
then somebody knocks
insist, calls
you fixed flag of the mind
I commemorate and don’t forget you
you have opened a path
like Allen
you have opened the path
but to do it it needs to have lived a lot
failed, mistaken
met and loved
(it needs to have suffered a lot ) much suffered
you in your ill back
I commemorate you
I commemorate you
my friend
I love you and you don’t even know it
you’ll never knew it
and you’ll never know
Livio has done a portrait of you that seems me